GeneraleTeatro e Sapori

Grande entusiasmo per lo spettacolo dell’associazione Tuttinsieme di Corridonia diretto da Francesco Facciolli.

E vissero felici e contenti così di solito terminano le favole ma, stavolta, questo è l’incipit della storia. La Cenerentola maritata comincia esattamente da dove le nostre nonne concludevano il racconto, ci auguravano la buonanotte con un bacio e ci rimboccavano le coperte. Manlio Santanelli, talentuoso grande vecchio del teatro partenopeo (e quindi italiano), si è divertito a tratteggiare quel che è accaduto alla novella sposa una volta spenti i riflettori sul principesco matrimonio: ne è riuscito un monologo assai diverso da quanto tutti noi ci siamo sempre immaginati!

La scena si apre su di una stanza ingombra di scope, spazzoloni, secchi e detergenti al cui centro troneggia una non più fresca Cenerentola (Scilla Sticchi) intenta nello sferruzzare uno scialle rosso sangue. Lo schienale reca i simboli della gloria passata: la celebre scarpetta e la corona principesca. Alza gli occhi, ammicca verso il pubblico e lo trascina subito nel racconto di sé. Attraverso un torrenziale flusso di parole, un po’ in italiano e molto in napoletano, tra mmaleparole, improperi e libere sonorità si dipana la sua triste vicenda: la luna di miele è presto finita ed ella si è ritrovata alle prese con i problemi insormontabili della regale quotidianità.

Popolare e colta, elegante e volgare, levigata ed aspra, questa è la cifra della scrittura di Santanelli che si colloca tra le più interessanti, ma meno rappresentate, del teatro contemporaneo italiano. Irta di pericoli, quindi, la decisione di allestire un lavoro tanto variegato da parte del regista Francesco Facciolli, già avvezzo peraltro a mettere in scena le opere del Santanelli: “Ho deciso di apportare alcuni piccoli tagli al testo, snellendolo un poco, e di introdurre alcune personali soluzioni drammaturgiche per smussare le asperità insite nei monologhi”. Se l’autore aveva suggerito la riproduzione dell’ouverture di Rossini come semplice commento introduttivo alla pièce, il regista ha voluto inserire interi brani dell’opera che interagiscono puntualmente con le battute della protagonista, trasformando di fatto le arie ed i concertati in ulteriori attori presenti e dialoganti in scena, ancorché solamente in spiritu.

Ulteriore arricchimento rispetto al testo originale è l’uso del teatro di marionette per animare e movimentare lu cunto fatto da Cenerentola nel bel mezzo della sua confessione. In tal modo, nato come un testo di sola voce recitante, quasi una semplice lettura scenica, La Cenerentola maritata è stata sapientemente trasformata in un dramma nel senso più pieno del termine. Il pubblico ha accolto con grande entusiasmo la prova dei coniugi Sticchi-Facciolli, collaudata coppia nella vita oltre che sul palco, applaudendoli a lungo in un Lanzi gremitissimo (per accontentare tutti, si è dovuta aprire anche la galleria). Con lo spettacolo dell’associazione Tuttinsieme di Corridonia, si è chiusa nel migliore dei modi la stagione 2019 di Teatro e sapori – in ricordo di Walter, di qualità elevata nel suo complesso, strepitosa in alcuni singoli lavori, a cui quindi non possiamo che augurare: ad majora!

Clicca qui per leggere l’articolo completo di Fabrizio Cortella su Cronache Maceratesi.

GeneraleTeatro e Sapori

Seconda giornata della rassegna “Teatro e sapori – in ricordo di Walter” al Lanzi di Corridonia.

Un pò di commedia di costume, un pizzico di commedia degli equivoci, una spolverata di sit-com all’americana (che tanto va di moda negli ultimi anni) ed eccoci apparecchiata la divertente pièce di Pietro Romagnoli, uomo ovunque della compagnia Lucaroni di Mogliano.

Domenica scorsa si è riso al Lanzi di Corridonia, e si è riso parecchio grazie ad un testo recente del poliedrico autore-regista-attore moglianese. Il canovaccio è di linearità classica e riproduce alcuni tòpoi ampiamente collaudati, ma con il pregio di modernizzarli con riferimenti all’attualità dei giorni nostri: la ricomparsa dell’anziano padre di famiglia, novello Ulisse, è causata proprio da quel vusciu dell’ozono del titolo che, facendo aumentare la temperatura del pianeta, causa lo scioglimento del ghiacciaio in cui era rimasto imprigionato trent’anni prima. La “commedia” che allestiscono i familiari per non farlo eccitare pericolosamente durante la sua convalescenza ha un fresco precedente nel mai abbastanza celebrato Goodbye Lenin, pluripremiata pellicola tedesca del 2003.

Clicca qui per leggere l’articolo completo di Fabrizio Cortella su Cronache Maceratesi.

GeneraleTeatro e Sapori

Buon debutto della quarta edizione di Teatro&Sapori dedicato alla memoria di Cortella.

Chi l’ha detto che Il barbiere di Siviglia sia un’esclusiva degli appassionati del Belcanto?
I componenti del Teatro Immagine di Venezia si sono impossessati di un monumento del repertorio rossiniano e ce l’hanno servito come piace a loro: in salsa commedia dell’arte. La compagnia di Salzano è avvezza a tali imprese, avendo già contaminato numerosi classici del teatro e della letteratura nella sua ormai trentennale carriera: da Il bugiardo di Goldoni degli esordi fino al recentissimo Dr Jekill & Mr Hyde, ambientato nelle nebbie della Laguna, passando per capolavori assoluti come Amleto (1999) e I promessi sposi (2004).

Clicca qui per leggere l’articolo completo di Fabrizio Cortella su Cronache Maceratesi.

Corsi al COTGeneraleTeatro e Sapori

Teatro e sapori in ricordo di Walter si chiama così la rassegna di teatro comico dedicata al Walter Cortella, scomparso il mese scorso.

L’iniziativa organizzata dal Cot (Corridonia Officine Teatrali) patrocinata dal Comune di Corridonia, prevede tre appuntamenti al teatro Lanzi. Questa quarta edizione sarà un omaggio a Walter Cortella, appassionato di teatro e attore, che ha seguito in passato la rassegna con le sue recensioni pubblicate da Cronache Maceratesi.

Il primo appuntamento sarà il 20 gennaio con Il Barbiere di Siviglia messo in scena dalla compagnia Teatroimmagine di Venezia, domenica 3 febbraio salirà sul palco la compagnia teatrale Lucaroni di Mogliano con Tutta colpa de lu vusciu… dell’ozono.
Chiuderà la rassegna il 17 febbraio La Cenerentola maritata della compagnia Aps Tuttinsieme di Corridonia.

Tutti gli spettacoli inizieranno alle 17:15.
Il costo del biglietto di ingresso è di 8 euro, ridotto 5 euro (under 12 anni, over 65, soci Tuttinsieme e convenzionati).

Per prenotazioni: Scilla 333.7217745 – Riccardo 339.8113397

Clicca qui per leggere l’articolo completo su Cronache Maceratesi.

ECCO LA LOCANDINA CON IL PROGRAMMA DELLA RASSEGNA:

GeneraleTeatro e Sapori

Il COT è lieto di annunciarvi la quarta edizione di TEATRO E SAPORI!

Rassegna di teatro comico.

La rassegna si terrà dal 20 gennaio al 17 febbraio presso il Cine-Teatro L. Lanzi di Corridonia.
Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 17:15.
Il costo del biglietto di ingresso è di €8, ridotto €5 (under 12 anni, over 65, soci Tuttinsieme e convenzionati).

Per prenotazioni: Scilla 333.7217745 – Riccardo 339.8113397

ECCO LA LOCANDINA CON IL PROGRAMMA DELLA RASSEGNA:

GeneraleTeatro e Sapori

Anche l’edizione 2018 della Rassegna Teatro e Sapori va in archivio.

Il sipario del Lanzi di Corridonia si è chiuso dopo cinque serate di spettacoli all’insegna della comicità e del buonumore, ai quali ha assistito sempre un folto pubblico. Ha iniziato «La Fabbrica dei Sogni» di Tolentino che ha presentato Grisù, Giuseppe e Maria di Giovanni Clementi, seguita dal Gruppo Amici dell’Arte di Offida che ha messo in scena Sganarello medico per forza e per amore, tratto da Molière. Il teatro inglese, con la sua raffinata comicità, ci ha divertito con Toccata e fuga, deliziosa commedia di Derek Benfield, proposta dalla compagnia Gli Amici del Teatro di Loro Piceno. Pino Cipriani, prolifico autore maceratese, ha diretto la Compagnia Palcoscenico in Gennaro e la… coscienza.

A conclusione della riuscita kermesse, il Cot di Corridonia ha allestito L’inganno in maschera, un divertente e colorato spettacolo di commedia dell’arte, scritto a quattro mani da Riccardo Nocelli e Francesco Facciolli, che ne ha curato anche la regia. Il sottotitolo dell’opera ce ne svela il contenuto: le prodezze dei servi e i sospiri degli innamorati trionfano sulle malizie dei padroni gabbati. In effetti, i numerosi personaggi danno vita ad una fitta rete di intrecci amorosi e di subdole manovre, creando situazioni al limite del paradosso, con gags divertenti che coinvolgono il pubblico fin dalle prime battute.

Clicca qui per leggere l’articolo completo di Walter Cortella su Cronache Maceratesi.

GeneraleTeatro e Sapori

Inizia all’insegna della comicità la manifestazione organizzata dall’Associazione Tuttinsieme in collaborazione con il Cot (Corridonia officine teatrali) con il patrocinio del Comune e il sostegno di vari operatori del territorio che ogni sera offrono agli spettatori piccoli campioni dei loro prodotti.

Sabato sera è andata in scena la divertente commedia di Giovanni Clementi “Grisù, Giuseppe e Maria”, mentre domenica il pubblico ha assistito a Sganarello, medico per forza e per amore”.

Clicca qui per leggere l’articolo completo di Walter Cortella su Cronache Maceratesi.

GeneraleTeatro e Sapori

Il COT è lieto di annunciarvi la terza edizione di TEATRO E SAPORI!

Rassegna di teatro comico.

La rassegna si terrà dal 25 febbraio al 25 marzo presso il Cine-Teatro L. Lanzi di Corridonia.
Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 17:15.
Il costo del biglietto di ingresso è di €8, ridotto €5 (under 12 anni, over 65 e convenzionati).

Per prenotazioni: Scilla 3337217745 – Riccardo 3398113397

Lo spettacolo Grisù, Giuseppe e Maria della Fabbrica dei Sogni di Tolentino è stato rinviato a Sabato 3 Marzo 2018 alle ore 21,15.

ECCO LA LOCANDINA CON IL PROGRAMMA DELLA RASSEGNA:

GeneraleTeatro e Sapori

La Rassegna Teatro & Sapori di Corridonia va in archivio.

Dopo quattro serate all’insegna della comicità e del divertimento la manifestazione, che ha riscosso un incoraggiante successo di pubblico, si è conclusa con l’esibizione al teatro Lanzi della Cfd di Macerata che ha messo in scena Un matrimonio scombinato tratto da Molière, con la regia di Diego Dezi.

Per leggere l’articolo completo di Walter Cortella, su Cronache maceratesi, clicca qui.